L’inquinamento della Cina si vede dallo spazio, ma viene censurato

Un velo grigio che avvolge l’area della pianura cinese attorno a Pechino. Quella che potrebbe sembrare una nuvola altro non è che il prodotto dell’inquinamento che avvolge la capitale cinese. A scattare la fotografia, lo scorso 10 gennaio, i sensori di Modis (Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer), montato a bordo del satellite Nasa Aqua. Nelle immagini la megalopoli cinese si nasconde dietro una spessa nube grigia – tanto fitta quel giorno da provocare la cancellazione di 43 voli in partenza dall’aeroporto di Pechino – una nube fatta da sostanze inquinanti: dal PM10, abbastanza piccolo da entrare nei polmoni e causare gravi problemi respiratori – secondo le autorità cinesi nella giornata raggiunse 560 microgrammi per metro cubo d’aria – ma anche dal PM2.5, una particella ancora più piccola e pericolosa, capace di penetrare in profondità nei polmoni e, addirittura, nel flusso sanguigno.

Rapporto shock di un team di scienziati americani e cinesi che hanno fotografato gli strati inquinati dell’atmosfera sopra alcune metropoli e distretti industriali della Cina. Le città scompaiono in nebbie rosse e nere, cancellate da una montagna di veleno. Il rapporto, dopo alcune ore, è scomparso e ai media di Stato è stato ordinato di non farne menzione. Queste le immagini diffuse dalla Nasa sulle quali i ricercatori hanno lavorato per produrre il rapporto.

 

di Francesco Sgaramella

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: